Didyklick: novità in casa Didymos

22 Settembre 2017

La comodità del marsupio e l’avvolgenza del mei tai: DidyKlick è la grande novità in casa Didymos!

Dopo un lungo lavoro, il marchio tedesco Didymos, famoso per aver introdotto in Europa le fasce portabebé, ha lanciato alla fiera Kind+Jugend 2017 il suo ultimo prodotto: il DidyKlick!

Io ho avuto la fortuna di poterlo provare in anteprima a Oslo a fine Agosto al Nasjonalt Bæretreff Norge.

Da oggi è in vendita anche online e posso finalmente raccontare le mie impressioni! 🙂

Fratello del DidyTai, DidyKlick è un perfetto “half buckle”, una via di mezzo cioè tra un marsupio ergonomico strutturato e un mei tai.

E’ quindi un supporto ideale per chi cerca nel Babywearing la comodità del marsupio, ma non vuole rinunciare all’avvolgenza del mei tai.

DidyKlick, infatti, ha un cinturone ventrale che si allaccia in un attimo con una pratica fibbia, proprio con un “click”, e si regola adattandosi al girovita del portatore, come un marsupio ergonomico qualunque. Al contempo però ha un pannello e degli spallacci morbidi ed avvolgenti, realizzati con filati Didymos di altissima qualità, tessuti ad armatura diagonale, che sostengono in modo ergonomico e confortevole sia il bebè che il portatore.

Ha la possibilità di stringere o allargare in modo immediato la seduta, regolandola sul fascione ventrale, e di ridurre ulteriormente le dimensioni del pannello grazie ad un cordino di cotone che scorre al suo interno.

Gli ampi spallacci garantiscono un ottimo scarico sulle spalle e sulla schiena del portatore. Essendo aperti e realizzati con tessuti ad armatura diagonale, si possono facilmente mettere in tensione distretto per distretto, per offrire così maggiore aderenza. Una volta realizzato l’incrocio, se vengono ben distesi sul sederino del bimbo, permettono di distribuire meglio il peso, donando maggiore comodità e contenimento.

DidyKlick è provvisto di un cappuccio integrato, regolabile con una coulisse, che può fungere da poggia testa aggiuntivo per  sostenere il capo del bambino, ad esempio durante la nanna.

Didymos mette a disposizione due copri spallacci aggiuntivi (DidyPad), disponibili anche separatamente e adattabili sul DidyTai, che si possono aprire ed agganciare sul marsupio stesso. Ciò permette di ottenere un comfort ottimale, ma al contempo di continuare a riuscire a tendere bene i lembi strato per strato.

L’unica nota negativa a mio avviso è il pannello un po’ piccino…ma Tina della Didymos mi ha confessato che non escludono di studiare prossimamente anche una versione per toddler ;-).

E’ lavabile tranquillamente in lavatrice a 30 gradi, con un ciclo delicato.

Purtroppo ho avuto modo di provarlo solo per pochi istanti, giusto il tempo di scoprirne le caratteristiche principali.

Ora che è finalmente anche in vendita, sono proprio curiosa di testarlo nuovamente con più calma… e spero di poterlo avere presto a disposizione in fascioteca 😉


Per maggiori informazioni e approfondimenti:

https://www.didymos.com/en/magazine/baby-carriers/didyklick/

https://www.didymos.de/content/uploads/2017/09/DidyKlick-Anleitung.pdf

Articoli correlati
Piacere di conoscerti
Sono felice di averti qui
Mi chiamo Virna Benzoni e sono un’esperta del portare: accompagno i genitori nel mondo del babywearing condividendo le mie competenze, frutto di anni di formazione in Italia e all’estero, con estrema cura e professionalità. Portare in fascia non è la moda degli ultimi anni, ma un approccio intimo, profondo, di relazione e contatto con il bebé. La migliore coccola che puoi fare a tutta la famiglia.
Facciamo conoscenza

Mamma Canguro

È un libro scritto da Giorgia Cozza, illustrato da Teresa Alberini, arricchito da un mio approfondimento sul mondo del babywearing. É indicato per tutta la famiglia, perché è diviso in due sezioni. In una parte c’è la storia, pensata per bambini dai 3 anni circa, in cui viene illustrata l’esperienza del portare attraverso lo sguardo dei due protagonisti. Nella seconda, grazie al mio approfondimento sul babywearing, si può approfondire la consuetudine del portare, come modalità di cura e relazione. “Mamma canguro” è quindi un’esperienza emozionante per grandi e piccini, proprio come il babywearing! Scopri di più!

0 commenti